Torna alla home page...

HOME
CORSI

1° Grado
Prep. 2° Grado
2° Grado
3° Grado
Apnea
Specializzazioni
Snorkeling
Preiscrizioni

SOCIETA'

Contatti
News
Newsletter
Storia
Statuto
Vetrina
Humor
Riservato

RISORSE

Turismo
Pubblicazioni
Fotografie
Mercatino
Link

 

Clicca qui
per preiscriverti


Clicca qui
per inviarmi
un tuo resoconto
di viaggio

Turismo

Risorse

Spagna: Isole Medes
testo di Bruno Rigon
foto di Decio Paolo Bazzoni (
dbazzoni@libero.it)
Settembre 2002

A circa 150 km. da Barcellona in Costa Brava, ad un miglio dal porto di L’Estartit, si trova il piccolo arcipelago delle Medes (21,5 ha di superficie) formato da sette isolotti e da alcuni scogli che risultano far parte geologicamente al massiccio del Montgrì. La presenza dell’uomo alle Medes risale all’epoca della colonizzazione greca, come dimostrano alcuni resti archeologici In seguito la posizione strategica di questi isolotti, che permettevano attacchi fulminei e poi ritirate sicure, divennero nel MedioEvo un rifugio di pirati  che minacciavano, non solo i villaggi costieri, ma anche il commercio marittimo barcellonese. Gli eventi storici si susseguirono e l’uomo abitò le Medes fino al 1932 quando furono definitivamente abbandonate. La natura ha quindi recuperato il dominio assoluto e sono diventate un vero paradiso per la vegetazione e per la fauna terrestre ma ciò che determina il valore eccezionale delle Medes nel Mediterraneo, è il loro habitat marino.
  
La vicinanza alla costa e alla foce del fiume Ter, l’influsso dei venti e delle correnti del nord, che favoriscono l’entrata di acque arricchite di apporti organici provenienti fino dal Rodano, le diverse profondità dei fondali,  la loro diversa composizione sabbiosa e rocciosa, e la formazione carsica con centinaia di cavità e tunnel, tutto questo spiega la varietà dell’ ambiente marino con la presenza di oltre 1350 specie marine identificate nei gruppi animali e vegetali. Questa ricchezza di risorse è stata sfruttata per molti anni dai pescatori ed in particolar modo dai corallari fino a mettere in pericolo il corallo delle Medes. Nel 1983 e successivamente nel 1985 la Generalitat de Catalunya (Governo Autonomo Catalano) ha promulgato la normativa di tutela che stabilisce una zona di divieto di pesca nei dintorni delle isole e la conservazione della flora e della fauna di questi fondali marini.
L’emanazione e l’applicazione di queste leggi fa delle isole Medes il parco marino più grande della Catalogna ed uno dei più importanti del Mediterraneo.

Immersioni

Sono immersioni abbastanza facili, a volte un po’ in corrente e possono variare da una profondità di 8/10 metri ai 35 massimi. L’acqua non è fra le più  limpide con una visibilità di 10/15 metri, la temperatura è buona a seconda del periodo. Tutte le immersioni sono programmate mensilmente dalla gestione del parco:  ad ogni boa può attraccare una sola imbarcazione evitando di trovarsi in decine di sub nello stesso posto.

Ricordo immersioni bellissime dove a 8/10 metri trovi cernie da 70/80 chili ad aspettarti, oppure proseguendo ti trovi in mezzo ad un banco di salpe o a pinneggiare assieme ad a gruppi di corvine, saraghi. Uscendo da uno degli innumerevoli tunnel puoi trovarti, oltre alle solite cernie, a distanza ravvicinata con un banco di barracuda o ad alcuni dentici in caccia. Immerso in questa miriade di pesci, a volte ti dimentichi di osservare ed apprezzare il bellissimo sistema bentonico, cioè tutte quelle specie che vivono a stretto contatto con il fondo o possono essere fissate ad esso come coralli, posidonie, gorgonie, spugne, attinie, molluschi nudibranchi ecc.

Diving

Ci siamo appoggiati al Diving Unisub (www.unisub.es), il primo diving sorto nella zona esistente dal 1965 e gestito dal titolare assieme ai due figli. Mi sento di consigliarlo per la qualità dei servizi e la professionalità dimostrata anche se non conoscono molto bene la lingua italiana visto che non è molto frequentato da nostri connazionali. Comunque la cosa non ci ha creato nessun problema.

Vitto e Alloggio

Per mangiare e dormire in hotel o eventuali appartamenti suggerisco di affidarsi alle indicazioni del diving che vi fornirà interessanti proposte a prezzi convenienti.

Questa vacanza la si può organizzare non solo a scopo subacqueo in quanto in zona si possono effettuare numerosissime visite di interesse storico ed artistico o escursioni naturali.

Per maggiori informazioni rivolgersi all’ufficio del turismo di L’Estartit tel. (972)758910

Contribuisci anche tu a far crescere il sito Tre Mari.
Inviami del materiale da pubblicare.